Saes Getters completa la cessione del business purificazione gas

Annunciato il closing dell’operazione di cessione alla società statunitense Entegris, Inc.

Redazione Web
Per i debitori impoveriti serve una legge ad hoc

Il Gruppo SAES annuncia il closing dell’operazione di cessione alla società statunitense Entegris, Inc. (NasdaqGS: ENTG) del business della purificazione dei gas (Systems for Gas Purification & Handling) afferente alla Business Unit Industrial Applications di SAES, che opera principalmente attraverso la consociata statunitense SAES Pure Gas, Inc. (“SPG”). SPG, con sede a San Luis Obispo, in California, produce e commercializza una gamma completa di purificatori per gas di processo e per gas speciali. 

Entegris, Inc., con sede a Billerica, Massachusetts (USA) e impianti di produzione, laboratori, strutture commerciali e di supporto in tutto il mondo, è un leader in soluzioni di chimica speciale e di materiali avanzati per l’industria della microelettronica e altre industrie del comparto high-tech. In base all’accordo iniziale, sottoscritto in data 7 giugno 2018, oggetto della cessione sono la consociata statunitense SPG e la struttura commerciale della controllata SAES Getters (Nanjing) Co., Ltd. (“Nanjing”) che fornisce supporto a SPG per le vendite sul mercato asiatico.

In data 15 giugno 2018, la controllante di SPG, SAES Getters USA, Inc. (“SUSA”) ha ceduto tutte le proprie attività e passività, con esclusione della partecipazione in SPG, a una società di nuova costituzione, che continua a essere di proprietà del Gruppo SAES. In data odierna, la società SUSA, che mantiene la partecipazione di controllo in SPG, viene ceduta a Entegris, unitamente al ramo d’azienda operante nel business della purificazione di Nanjing.

Il prezzo di cessione è pari a 355 milioni di dollari, a cui si aggiunge un aggiustamento negativo, pari a -0,8 milioni di dollari, calcolato sulla base del valore stimato di working capital alla data del closing e che sarà rivisto sulla base dei valori contabili effettivi rilevati a seguito di specifico audit. Il prezzo netto finale è quindi pari a 354,2 milioni di dollari, pari a circa 304,1 milioni di euro, se convertiti al cambio odierno. Tale prezzo, confrontato con il valore contabile stimato alla data del closing degli asset netti oggetto della cessione (42,2 milioni di euro), comporterà una plusvalenza pari a circa 261,9 milioni di euro, da cui vanno dedotti i costi legati all’operazione (soprattutto spese legali, di consulenza, per incentivi e fees), stimati in circa 31,5 milioni di euro. La plusvalenza netta del Gruppo SAES è pertanto prevista nell’intorno di 230,4 milioni di euro.

Il ramo d’azienda oggetto della cessione è sostanzialmente privo di debito, pertanto l’effetto positivo sulla posizione finanziaria netta consolidata è stimato pari a circa 272,6 milioni di euro. L’operazione s’inserisce nel quadro di focalizzazione della strategia evolutiva del Gruppo verso il rafforzamento dei settori strategici in cui SAES ha sostenuto i maggiori investimenti negli ultimi anni, consentendo al Gruppo di disporre delle risorse finanziarie necessarie per avviare un importante processo di crescita inorganica, e non solo, nei business del Nitinol per applicazioni medicali e del packaging avanzato. Questa operazione, unitamente ai futuri investimenti, è finalizzata alla crescita del Gruppo e a garantire stabilità, con minore dipendenza dalle fluttuazioni dei cambi. Entegris è ritenuta partner ideale per continuare a sviluppare il business della purificazione, grazie alla leadership nella microelettronica e nei semiconduttori, alla presenza consolidata nel mercato USA e alla solidità finanziaria e patrimoniale.

Il valore contabile delle attività nette oggetto della cessione era pari a circa 36,4 milioni di euro al 31 dicembre 2017 e a circa 42,7 milioni di euro a fine marzo 2018. Il business oggetto della cessione ha realizzato nel 2017 ricavi pari a 81 milioni di euro e un EBITDA pari a 29,3 milioni di euro (36,2% in termini percentuali sui ricavi); nel primo trimestre 2018, il fatturato è stato pari a 25,5 milioni di euro, con un EBITDA pari a 7,8 milioni di euro (30,5% in termini percentuali sui ricavi). Nella gestione dell’operazione, SAES si è avvalsa della consulenza di Alvarez & Marsal per le attività di investment banking; Nixon Peabody LLP per l’assistenza legale; Maisto e Associati per la consulenza tributaria; Cenciarini & Co. per le valutazioni indipendenti sul business e Intesa Sanpaolo per il supporto finanziario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Economy

Caratteri rimanenti: 400